home politica dottrina contatto info libri links mappa sito
stampa email salva salva pdf
Ordine Chiesa
Anziani
Diaconi
Donne
Uomini
Teologia
Amore
Arbitrio
Creazione
Dio
Escatologia
Evangelismo
Eterodossie
Il Male
La Legge
Peccato
Predestinazione
Riformata
Timore
Sacramenti
Soteriologia
Sovranità
Credi
Ispirazione
Riformati
Storici
Universalismo
Parole
Versetti
Festività
Dicembre 25
Pasqua
Personale
Vivere
Modestia
Morte
Preghiera
Responsabilità'
Tempi Nostri
Il Regno
Potpourri
Aborto
Date
Democrazia
Evangelizzare
Paganesimo
Passaggi
Sermoni
Volantini
Copyright
Emails
Home

Cosa serve vivere

aymon de albatrus

Per 40 anni mi sono chiesto continuamente quale è lo scopo della vita, e non riuscivo a capirlo. Poi all'età di quaranta Cristo mi convertì a se stesso in modo forte dovuto alla mia testa dura, e finalmente capii.

Sostanzialmente queste sono le posizioni di credo della razza umana:

1. Certi credono che non c'è vita dopo la morte, cioè nessuna vita spirituale
questa posizione contende cha alla morte la nostra coscienza termina e non c'è più niente dopo morte. La gente (secolari) che sottoscrive a questa posizione non hanno nessuna speranza o futuro e perciò vogliono vivere il più lungo possibile su questa terra, perché dopo la morte c'è soltanto oblio e nulla.

2. Poi ci sono tanti che credono in una vita spirituale dopo la morte, ed eccone qualcuno:

2.1. Induismo/Buddismo.. Questo sistema crede nella rincarnazione: la gente muore ed è rincarnata in un altro essere all'infinità finché diventano così perfetti (pochi raggiungono questo stato) da fondersi in Nirvana e così cessano di esistere come coscienti esseri individuali. Questo credo è piuttosto strano in quanto l'anima rincarnata non si ricorda delle vite precedenti.  Perciò quale è il punto di tutte queste vite per poi fondersi (forse) nell'essere universale e perdere la propria coscienza?

2.2. Islam. Questi seguono i detti di  Mohammed che attinse profondamente nella sua origine araba pagana, nel Giudaismo e nella Cristianità.  Essi credono nell'esistenza eterna dell'anima dopo la morte, ma è una religioni di lavori e le ricompense celestiali sono molto simile a quelle terrene. 

2.3. Giudaismo. Questa è l'originale religione monoteista che crede in un unico Dio e alla vita eterna. Credono nel Paradiso e nell'Inferno ma anche questa è una religione di lavori.

2.4. Cristianità. Questa religione è generata da Gesù Cristo. Essa crede nella vita eterna con il Paradiso riservato per i credenti eletti e all'Inferno per quelli che rigettano Cristo. In questi ultimi sono inclusi tutti i miscredenti e tutti quelli che pur avendo una forma di religione non credono in Cristo Gesù.  Il Cristianesimo è una religione di Grazia per gli Eletti in Cristo. (Efe 2:8)

3. Se veramente crediamo nella veracità della Bibbia, allora tutte le persone, all'infuori di quelli che credono in Cristo, sono destinati all'Inferno lontani dalla presenza di Dio. Questo include: miscredenti e tutte le altre religioni perché la Bibbia dice:

"E in nessun altro (cioè Cristo) vi è la salvezza, poiché non c’è alcun altro nome sotto il cielo che sia dato agli uomini, per mezzo del quale dobbiamo essere salvati»." (Att 4:12)

"Chi crede nel Figlio (cioè Cristo) ha vita eterna ma chi non ubbidisce al Figlio non vedrà la vita (eterna), ma l’ira di Dio dimora su di lui»." (Gio 3:36)

Dunque, chiaramente, l'unica possibile salvezza dall'essere gettati via dalla presenza di Dio  e di essere nominati fra gli Eletti in Cristo "Voi infatti siete stati salvati per grazia, mediante la fede, e ciò non viene da voi, è il dono di Dio," (Efe 2:8) e questo è evidente nel poter essere capaci di proclamare con forza e con piena convinzione:

"poiché se confessi con la tua bocca il Signore Gesù, e credi nel tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato." (Rom 10:9)

Tutti gli altri saranno gettati nella perdizione, cioè all'Inferno, secondo la Bibbia.

Allora in conclusione, quale è la ragione per vivere? E' di essere in Cristo e Lui crocifisso. (1Co 2:2) e di essere con il Signore Gesù Cristo il più presto possibile.

Tuttavia, noi essendo in Cristo e Suoi discepoli dobbiamo fare i comandi del nostro Maestro, noi i nostri piaceri, perché altrimenti non saremo discepoli per niente. Anche se abbiamo tanto desiderio di essere con Lui, diciamo "Non il mio volere, ma il Tuo volere, o Signore" e ripetiamo le parole di Paolo: "perché sono stretto da due lati: avendo il desiderio di partire a da questa tenda e di essere con Cristo, il che mi sarebbe di gran lunga migliore, ma il rimanere nella carne è piú necessario per voi." (Fil 1:23-24)

E ci ricordiamo delle sue parole:
"«Se mi amate, osservate i miei comandamenti," (Gio 14:15 Gio)
"Voi siete miei amici, se fate le cose che io vi comando." (Gio 15:14 Gio)

Perciò in breve la ragione della nostra vita è di essere proficui discepoli di Cristo con un profondo desiderio di essere con Lui, faccia-a-faccia.

N