home politica dottrina contatto info libri links mappa sito
articoli simili
stampa email salva salva pdf
Ordine Chiesa
Anziani
Diaconi
Donne
Uomini
Teologia
Amore
Arbitrio
Creazione
Dio
Escatologia
Evangelismo
Eterodossie
Il Male
La Legge
Peccato
Predestinazione
Riformata
Timore
Sacramenti
Soteriologia
Sovranità
Credi
Ispirazione
Riformati
Storici
Universalismo
Parole
Versetti
Festività
Dicembre 25
Pasqua
Personale
Vivere
Modestia
Morte
Preghiera
Responsabilità'
Tempi Nostri
Il Regno
Potpourri
Aborto
Date
Democrazia
Evangelizzare
Paganesimo
Passaggi
Sermoni
Volantini
Copyright
Emails
Home

PER CHI CRISTO MORÌ?

di John Owen


Le alternative:

I
l Padre impose la Sua collera dovuta, ed il Figlio ricevette la punizione per:

1. Tutti i peccati di tutti gli uomini.

2. Tutti i peccati di qualche uomo, o

3. Qualche peccato di tutti gli uomini.

Si può dunque dire:
  • Che se l'ultima opzione è vera, tutti gli uomini hanno ancora qualche peccato da espiare e perciò nessuno è salvato.

  • Che se la seconda opzione è vera, allora Cristo, per conto loro, soffrì per tutti i peccati degli eletti nel mondo totale, e questa è la verità perché questi sono salvati.

  • Ma se la prima opzione fosse il caso, perché non tutti gli uomini sono liberi della punizione dovuta per i loro peccati?

A questa tu rispondi "per la loro incredulità".

Allora io chiedo,: "è questa incredulità peccato, o non lo è? Se lo è (Giovanni 3:36), ha quindi Cristo sofferto la punizione dovuta a questa, o no? Se lo fece, perché allora il peccato di incredulità LIMITA loro più dei loro altri peccati per i quali Egli morì? Se questo non il caso, allora Egli non morì per tutti i peccati di tutti gli uomini, dato che sappiamo che non tutti sono salvati."