home politica dottrina contatto info libri links mappa sito
articoli simili
stampa email salva salva pdf
Ordine Chiesa
Anziani
Diaconi
Donne
Uomini
Teologia
Amore
Arbitrio
Creazione
Dio
Escatologia
Evangelismo
Eterodossie
Il Male
La Legge
Peccato
Predestinazione
Riformata
Timore
Sacramenti
Soteriologia
Sovranità
Credi
Ispirazione
Riformati
Storici
Universalismo
Parole
Versetti
Festività
Dicembre 25
Pasqua
Personale
Vivere
Modestia
Morte
Preghiera
Responsabilità'
Tempi Nostri
Il Regno
Potpourri
Aborto
Date
Democrazia
Evangelizzare
Paganesimo
Passaggi
Sermoni
Volantini
Copyright
Emails
Home

Cosa è Amore?

aymon de albatrus


Quando leggiamo questi versetti e notiamo la parola "Amore", che tipo di amore ci viene in mente?

Poiché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. (Giovanni 3:16 )  Da questo abbiamo conosciuto l’amore: Egli ha dato la sua vita per noi anche noi dobbiamo dare la nostra vita per i fratelli. (1 Giovanni 3:16)  Nessuno ha amore più grande di questo: dare la propria vita per i suoi amici. (Giovanni 15:13 )

La parola Amore.

Nelle lingue Occidentali la parola Amore non distingue i vari significati di cosa si intende. Per esempio: "Amo Dio" "Amo mio marito" "Amo una pizza". Ha la parola amo, in questi 3 casi, lo stesso significato? Certamente No. Il Greco invece ha 5 differenti parole per la nostra "Amare":

  1. AGAPE, È l’amore di intelligenza, di ragione e comprensione, accoppiato con il corrispondente proponimento. In questo, il suo concetto, è vastamente superiore a qualsiasi altra forma d’amore. In sostanza "Agape" è una permanente attitudine di benevolenza verso Dio e verso gli altri, senza nessuna condizione, che scaturisce liberamente dall'Amore che Dio ha messo nel cuore dei Suoi soggetti. È amore disinteressato, che non si aspetta nulla in ritorno.  Si può Agape, soltanto se Dio ci ha riempiti di Agape per primo.  Tutte le altre forme di amore hanno bisogno di una reazione per mantenersi, mentre Agape proviene da Dio ed i beneficiari che ne sono ripieni, non hanno bisogno di un riscontro essendo pienamente soddisfatti nell'Agape del Signore.

  2. PHILEO, Esprime solo l’amore di affetto personale, o di piacere, includendo anche le passioni dove il contenuto lo richiede, senza coinvolgere intelligenza o alti proponimenti, questo concetto piazza il verbo "amare (phileo)" ad un livello inferiore di Agape. È un sentimento che trova attrazione nell’altra persona e che si aspetta un ritorno.

  3. THELO, Il desiderio di fare una cosa, voler fare, mettersi in mostra.

  4. EROS, Il desiderio sensuale e sessuale, di copulare, fare sesso. Attrazione fisica, spesso confusa con amore - Phileo.  Per esempio, la maggior parte della gente si sposa per Eros, e qualche volta per Phileo, ma raramente per Agape.

  5. STORGE, affetto fra compagni, soldati in trincea. Piacere nel giocare assieme.

Di queste 5 parole greche solo le prime 3 appaiono nel NT, Eros e Storge non ci sono

La parola "Amore" e le sue coniugazioni, appaiono 290 volte nel Nuovo Testamento, di cui:

Agape 258 volte 90%

Phileo 31 volte 10%

Thelo 1 volta (Mar 12:38) scribi che amano passeggiare in lunghe vesti ed essere salutati nelle piazze

Tutte le referenze all’amore da, e a, Dio sono "Agape", come tutte quelle che Dio o Gesù riferiscono all’amore fra gli uomini.

Tutte le referenze all’uomo di amare sua moglie sono "Agape", mentre alla donna si chiede di "Phileo" il marito ed i figli in: per insegnare alle giovani ad amare i loro mariti, ad amare i loro figli, (Tito 2:4)

Rendersi conto dei differenti significati della parola Amore ci aiuta a capire meglio la Bibbia e di quello che ci è richiesto da Dio.

Per esempio, il famosissimo passaggio fra Gesù e Pietro in Giovanni 21:15-17 è totalmente incomprensibile come espresso nella nostra lingua:

"Dopo che ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone di Giona mi ami (Agapao) tu più di costoro?». Gli rispose «Certo Signore, tu lo sai che io ti amo (Phileo)». Gesù gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli chiese di nuovo una seconda volta: «Simone di Giona, mi ami (Agapao) tu?». Gli rispose: «Certo Signore, tu lo sai che io ti amo (Phileo)». Gesù gli disse: «Abbi cura delle mie pecore». Gli chiese per la terza volta: «Simone di Giona, mi ami (Phileo) tu?». Pietro si rattristò che per la terza volta gli avesse chiesto: «Mi ami (Phileo) tu?», e gli rispose: «Signore, tu sai ogni cosa, tu sai che io ti amo (Phileo)». Gesù gli disse: «Pasci le mie pecore." (Giovanni 21:15-17)

Il verbo "Agapao" è l'amore d’intelligenza, di ragione e della comprensione, accoppiato con lo scopo corrispondente; l’amore in questo contesto di gran lunga oltrepassa ogni altro tipo d’amore. Mentre "Phileo" esprime soltanto l'amore d’affetto personale o di gradimento, includendo persino le passioni dove il contesto lo richiede, ma nessuna intelligenza o alto scopo è implicato; questa sostanza dispone il verbo ad un livello basso.

Non si potrebbe mai dire che Dio "Phileo" il mondo peccaminoso; per quanto concerne "Phileo", Egli potrebbe soltanto abominare questo mondo ripugnante. Gesù non ci ha mai chiesto di amare i nostri nemici nel senso di "Phileo". Egli stesso non ha mai amato i suoi nemici in questo modo. Ma "Agapao" - sì, con questo amore Dio amò il mondo e noi possiamo amare i nostri nemici, comprendendo tutto quello che è sbagliato, santificando il mondo, convertendo i nostri nemici.

Si confronti Giovanni 3:16 ed ogni altro passaggio dove i due verbi sono usati nelle Scritture. Soltanto in alcuni casi, dove l’uno o l’altro tipo d’amore potrebbe essere applicabile, l’uno o l’altro verbo potrebbe essere usato; ma anche allora la grande distinzione fra i due rimarrebbe - i due non sono mai uguali.

La sbagliata enfasi viene piazzata sulla "terza volta" da coloro che falliscono di vedere la forza della terza domanda perché confondono "Agapao" e "Phileo". Quello che attraversò il cuore di Pietro fu questo verbo "Phileo" nella domanda finale, "hai tu affetto (Phileo) per me?". Quando Gesù chiese due volte riguardo al più alto amore (agape, Agapao), e una volta a quello basso e poi della presenza di questo ultimo, Pietro con tutta l’umiltà dovuta si era avventurato, ogni volta, ad asserire soltanto la forma più bassa d’amore. Ma Gesù, nella terza domanda sondò anche la presenza di questo amore più basso, del quale Pietro si sentiva così sicuro della sua presenza nel suo cuore e così fece appello all’onniscienza di Gesù.

La terza domanda, l’addolorò così profondamente Pietro, perché Gesù mise in dubbio anche la presenza del suo amore più basso, "Phileo".

Quando Gesù ci ordina:  34 Vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, anche voi amatevi gli uni gli altri. 35 Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri». (Giovanni 13:34-35 A che tipo di amore si riferisce?  Ad AGAPE. Questo è alto amore, e Gesù non ci ha chiesto quello che Lui non ha fatto, Agape, perché dice: "come Io vi ho amato".

La definizione di Amore (agape) è espressa chiaramente in 1 Corinzi 13:4-8,13

4. L’amore è paziente, è benigno; l’amore non invidia, non si mette in mostra, non si gonfia,

5. non si comporta in modo indecoroso, non cerca le cose proprie, non si irrita, non sospetta il male;

6. non si rallegra dell’ingiustizia, ma gioisce con la verità,

7. tollera ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa.

8. L’amore non viene mai meno,

13. Ora dunque queste tre cose rimangono: fede, speranza e amore; ma la più grande di esse è l’amore (Agape).

 

CONCLUSIONE

Prima di parlare di Amore, bisogna capire la grandezza di Dio:

  1. Dio ha creato tutto quello che è stato creato dal nulla, per Suo piacere,

  2. Dio tiene in esistenza tutto quello che è stato creato e se Dio dicesse: "mi sono stufato" il creato, tutto, ritornerebbe nel nulla da dove era stato creato,

  3. Dio è Onnipotente e può fare tutto quello che vuole, e nessuno lo può fermare,

  4. Dio è Onnisciente e vede tutto, Passato, Presente e Futuro e perciò i Suoi proponimenti non possono cambiare, «Io sono l’Eterno, non muto; ....(Malachia 3:6)

  5. E Gesù ci ha detto cosa è l’amore verso Dio: «Se mi amate (Agape), osservate i miei comandamenti, (Giovanni 14:15)

  6. Questo è Amore, quello Biblico, quello che Dio ci comanda di avere, verso di Lui e verso gli uomini. Con questo amore non ci sarebbero più divorzi, aborti, odi e guerre.

  7. Con questo Amore (AGAPE) tutto dura, mentre tutte le altre forme di amore, non durano.

Perciò, quando leggete la parola "Amore" nella Bibbia, pensate sempre alla definizione di AGAPE, amore disinteressato e benevolente.  Con questa sapienza il significato dei versetti sull'Amore (Agape) avranno un contesto più profondo e Biblico. 

I tre versetti menzionati all'inizio sono esempio pratico.  Tutti e tre si riferiscono ad "Agape", e sicuramente è difficile per tutti noi metterli in pratica come viene richiesto, data la nostra natura ribelle.  Però non possiamo onestamente negare dove è la perfezione che dobbiamo raggiungere  perché il Signore ci dice: Voi dunque siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro, che è nei cieli». (Matteo 5:48)

Allora, oh uomo! tu mi dirai: anche se sapessi dove è la perfezione non potrei mai raggiungerla perché non ho queste capacità in me.  Cosa devo fare?  Quale è la soluzione?  La chiave è chiedere il soccorso del Signore: Ma se qualcuno di voi manca di sapienza, la chieda a Dio che dona a tutti liberamente senza rimproverare, e gli sarà data. (Giacomo 1:5 LND)


Una breve espansione

Agape e’ paziente

Questo si riferisce ad AGAPE amore d’intelligenza e sapienza, non di emozioni

Rende la mente ferma, libera di passioni infantili dando pazienza perseverante invece di colpi di rabbia e risentimenti. Lento all’ira quando abusato, lento al risentimento, non frettoloso alla vendetta quando oltraggiato, ma esercita sopportazione ed è sempre pronto a perdonare.

E’ benigno

Ha cuore grande e cerca tutte le opportunità di fare del bene come il Samaritano

È liberale e generoso, fa del bene a tutti, anche ai suoi nemici e specialmente a quelli della casa di fede, è gentile con tutti gli uomini, affabile e non imbronciato, irascibile o maleducato. È facile e condiscendente alla disposizione e all’umore degli uomini, si accomoda alle loro infermità, alle loro capacità, manierismi e circostanze, in tutto quello che può, che non sia contrario alla gloria di Dio, gli interessi di Cristo, la religione, la sua coscienza ed il bene degli uomini.

Agape non invidia

Invidia e’ il risultato di volere male verso gli altri. Invidia porta alla competizione che non e’ da Dio perché’ Dio provvede abbondantemente. Generalmente quando auguriamo il meglio agli altri, noi partecipiamo nelle benedizioni. "E consideriamo gli uni gli altri, per incitarci ad amore e a buone opere," (Ebrei 10:24)

Chi ha la grazia e l’amore di Dio e di Gesù non invidia le cose temporali visto che quello che è di gran lunga superiore a quelle. Qualcuno potrebbe anche essere tentato di invidiare la prosperità degli empi quando si è in avversità, ma questa grazia permette di non rimanere a lungo così, quando si considera l’eccellenza dei doni spirituali.

Non si mette in mostra, Non si gonfia

Agape e’ umile e non si mette in mostra come un pavone o un tacchino gonfiato. ma stima i fratelli meglio di se stesso "non facendo nulla per rivalità o vanagloria, ma con umiltà, ciascuno di voi stimando gli altri più di se stesso." (Filippesi 2:3)

Agape non cerca apprezzamenti ma fugge da loro cercando rifugio in Dio per l’orgoglio. Non e’ testardo o intrattabile ma congeniale a tutti non critica ne censura gli altri. Non si esibisce come un orgoglioso pavone, ne sulle cose che ha, saggezza, ricchezza, onore, forza o doni spirituali o quello che fa’, dato che quello che ha o fa’, l’ha ricevuto da Dio ed è per la gloria di Dio e non per essere approvato dagli uomini. Non è tumultuoso, chiassoso, sedizioso, chiacchierone, ne va a feste, ne partecipa a fazioni di chiesa, ma è tutto il contrario.

Non si comporta in modo indecoroso non cerca le cose proprie

Agape non cerca mai di avanzarsi alle spese degli altri. Spesso trascura se stesso per favorire gli altri.

Da molta attenzione e peso alle sue parole, dalla sua bocca non esce niente di sporco o corrotto o inutile. Nemmeno commette con azioni e gesti quello che è vergognoso o disprezzabile. Ne lusinga altri per procurarsi vantaggi mondani o amicizia o affetti d’altri. Uno dotato di questa grazia non pensa che qualcosa sia sotto la sua dignità ma si presta al servizio degli uomini per promuovere l’onore della religione e gli interessi di Cristo. Non è ambizioso, ma è: in basso, mite e umile.

Non si irrita

Agape non si arrabbia mai e se perde la pazienza, non perde mai il controllo e la calma, l’ira incontrollata non è nel vocabolario di Dio. Agape non si offende facilmente. Non è facilmente provocato alla collera ne al peccato, all’immoralità e idolatria. Ma è facilmente provocato all’amore e lavori buoni che sono in perfetto accordo con la carità.

Non sospetta il male

Agape non è sospettoso, non ha malizia, passa sopra i difetti degli altri. Non formula mai giudizi negativi e soltanto quando è palese a tutti, con riluttanza accetta l’evidenza. No e’ geloso e pensa sempre il meglio degli altri. Non di quei mali di pensiero che sono nel cuore dell’uomo, anche se sono odiosi, abominevoli e addoloranti per quelli che sono partecipi alla grazia di Dio e che desiderano liberarsene, ma chi possiede questa grazia non pensa al male che gli viene fatto da un’altro, egli perdona come Dio ha perdonato lui e non ci pensa più. Una volta perdonato non medita vendetta né escogita male verso l’uomo che gli ha fatto male. Non è sospettoso del male in altri, non indulge in congetture malefiche o gelosie senza fondazione che sono contrarie a questa grazia di carità.

Non si rallegra dell’ingiustizia ma gioisce nella verità

Non ha piacere nel veder gli altri cadere come dice Dio: Io infatti non provo alcun piacere nella morte di chi muore», dice il Signore, l’Eterno. «Convertitevi dunque e vivrete». (Ezechiele 18:32) fa di tutto per aiutare il fratello che e’ caduto (Giacomo 5:19-20). Non ha piacere nel peccato ma gioisce quando gli uomini camminano in integrità di carattere. Si rallegra quando vede il Vangelo avanzare ed il cambiamento nelle vite. Egli è afflitto dalle sue iniquità, la corruzione del suo cuore, le infermità della sua vita, i sui peccati segreti, che nessuno sa altro che lui e Dio, è grandemente preoccupato dalla profanità e immoralità degli uomini del mondo ed i peccati di chi professa di credere, gli tagliano il cuore. Nemmeno gode nell’ingiustizia in qualsiasi azione ingiusta o lesione che sia fatta a chiunque, si, anche ad un nemico, ma gioisce nella verità del Vangelo. Nessuno può fare niente contro la verità ed egli gioisce grandemente quando vede qualcuno che cammina in essa perché la verità oppone l’iniquità e la malvagità.

Tollera ogni cosa

Praticamente Agape è una copertura come dice Pietro:" avendo prima di tutto un intenso amore gli uni per gli altri, perché «l’amore coprirà una moltitudine di peccati»." (1 Pietro 4:8).

Non espone il fratello in pubblico ma da spazio al fratello di confessare i suoi misfatti in privato. Agape è paziente su ogni provocazione anche se shockato sostiene ingiurie senza ritagliare anche soffrendo grandi danni per il fratello. Agape è sempre pronto a comunicare con la porta aperta al fratello e riconciliare qualsiasi torto. Agape non rompe mai la relazione con altri, soltanto su grosso peccato e anche quello con triste riluttanza. Porta i pesi dei compagni Cristiani, adempiendo così la legge di Cristo, che è la legge dell’amore, le infermità dei credenti deboli, il biasimo e le persecuzioni del mondo e "copre tanti peccati" non nel chiudere un occhio né nell’averli sofferti su un fratello, ma portare privatamente l’offensore a riconoscere l’errore. Egli li perdona come peccati contro di lui coprendoli con un mantello d’amore industrialmente celandoli e nascondendoli dagli altri.

Crede ogni cosa

Agape non e’ ottuso o stupido, ma preferisce credere, sperare e sopportare. Agape non tira via la prudenza ma cerca sempre il bene, oltre le apparenze. Crede ogni cosa che è da credere. Tutto quello che Dio dice nella Sua parola, tutte le Sue verità, e tutte le Sue promesse e persino spera contro speranza dipendendo sulla potenza, fedeltà e le altre perfezioni di Dio. Certo egli non crede in ogni spirito, ogni predicatore ed insegnante, ma ogni parola degli uomini che è in accordo con le Scritture. L’uomo di carità è pronto a credere ogni cosa buona riportata su uomini, su questo egli crede, ma non è disposto a credere brutti rapporti su uomini a meno che questi siano evidenti in modo abbagliante.

Spera ogni cosa

Anche quando tutte le speranze non sono più, egli spera contro speranza per trovare il bene che è da sperare. Spera per l’adempimento di tutte le promesse di Dio, spera nel diletto in Lui nella Sua casa, spera per le cose non viste, che sono future, spera nel paradiso e l’eterna felicità, per più grazia quaggiù e gloria dopo, spera nel meglio degli uomini, di tutti i professanti di religione ad anche per gli uomini malvagi che siano migliori e portati al pentimento, e di chi è caduto dalla grazia ma adesso pentito, egli spera bene di loro.

Sopporta ogni cosa

Tutto quello che è sgradevole alla carne, tutte le afflizioni, tribolazioni, tentazioni, persecuzioni e pure la morte, per motivo degli eletti, per motivo del Vangelo, e specialmente per motivo di Gesù Cristo.

L’amore (Carità, AGAPE) non viene mai meno

Agape potrebbe fallire nel suo esercizio, come altre grazie, potrebbe anche essere abbandonato, ma mai sarà perso. Il suo fervore potrebbe scemare, potrebbe raffreddarsi attraverso la prevalenza del peccato, può essere soffocato dalla crescita di errore e eresia, che penetra come un cancro, e potrebbe essere anche ostruito da un ansioso e immoderato interesse e concerno per le cose del mondo che sono molto perniciose a tutte le branchie di vitale religione particolarmente l’amore per Dio, Cristo ed i fratelli, ma questa grazia non fallisce mai nel suo principio, è un seme immortale ed incorruttibile, vive attraverso le più violente tentazioni, le più grandi diserzioni e le più dolorose afflizioni, ancora c’è affetto

ma la più grande e’ l’amore (Agape)

Agape è l’espressione dell’amore di Dio, l’immagine divina nella creature e la mutuale relazione fra Dio e noi. Avere Agape e conoscere Dio: E noi abbiamo conosciuto e creduto all’amore (Agape) che Dio ha per noi. Dio è amore (Agape), e chi dimora nell’amore (Agape) dimora in Dio e Dio in Lui. (1 Giovanni 4:16). Dio è eterno e il più grande, così come Dio è Agape, così Agape è il più grande degli affetti. Quando tutti i santi s’incontreranno in Paradiso essi vivranno fra loro nella perfezione di Agape, perché dove Dio è là c’è Agape alla sua più alta altezza, veramente perfetto in ogni modo. Che benedetta situazione quella sarà, di vivere con tutti in perfetta armonia, con il nostro meraviglioso Signore. Agape è l’espressione del Regno di Dio e dei Suoi santi.

Questo è alto amore, ma Gesù non ci ha chiesto quello che Lui non ha fatto, Agape: Vi do un nuovo comandamento: che vi amiate (Agape) gli uni gli altri; come io vi ho amato (Agape), anche voi amatevi (Agape) gli uni gli altri. (Giovanni 13:34)

 

TABELLA AMORE


AMORE = appare 290 volte, suddiviso: (Agape = 258;   Phileo = 31;   Thelo = 1)

Strong Key

Significato

Tradotto

AGAPE

È l’amore di intelligenza, ragione e comprensione, accoppiato con il corrispondente proponimento; in questo, il suo concetto, è vastamente superiore a qualsiasi altra forma d’amore.

Amore

Carità

229

29

G25 agapao (v)

{ag-ap-ah'-o}

1. di persone: di accoglienza, di intrattenere, di voler bene, di amare caramente

2. di cose: di averne piacere, di esserne contento

amore

amato

135

7

G26 agape (n)

{ag-ah'-pay}

1. amore fraterno, affetto, buona volontà, amore, benevolenza

2. feste di carità

amore

carità (1Co 13)

caro

caritatevole

festa di carità

86

28

1

1

1

 

PHILEO

Esprime solo l’amore di affetto personale, o di piacere, includendo anche le passioni dove il contenuto lo richiede, senza coinvolgere intelligenza o alti proponimenti, questo concetto piazza il verbo ad un livello inferiore.

Amore

31

G5360 philadelphia (n)

{fil-ad-el-fee'-ah}

Amore di fratelli e sorelle, amore fraterno; nel NT l’amore che i cristiani nutrono l’un l’altro come fratelli in Cristo.

amore fraterno

gentilezza fraterna

amore per I fratelli

3

 

2

2

G5361 philadelphos (a)

{fil-ad'-el-fos}

Amare fratello o sorella; in senso largo, amare uno come fratello, amare un paesano: come un Israelita, di un cristiano che ama cristiani

amore per I fratelli

1

G5362 philandros (a)

{fil'-an-dros}

amare il marito (Tit 2:4)

amare i loro mariti

1

G5363 philanthropia (n)

{fil-an-thro-pee'-ah}

amore per l’umanità, benevolenza

gentilezza

amore verso l’uomo

1

 

1

G5365 philarguria (n)

{fil-ar-goo-ree'-ah}

amore per il denaro, avarizia (1Ti 6:10)

amore per il denaro

1

G5368 phileo (v)

{fil-eh'-o}

1. di amare; di approvo; di piacere; sanzionare; trattare affezionatamente o gentilmente, di benvenuto, di amicizia

2. dimostrare segni d’amore; di baciare

3. essere affezionalo al fare; di usanza

amore

baciare

22

3

G5388 philoteknos (a)

{fil-ot'-ek-nos}

amare la sua prole o figli (Tit 2:4)

amare i loro figli

1

 

THELO

Il desiderio di fare una cosa, voler fare, mettersi in mostra

Amore

1

G2309 thelo (v)

{thel'-o} or

ethelo {eth-el'-o}

1. di volere, avere in mente, intenzione

2. di essere risoluti o determinati,

3. di desiderare,

4. di amare; di voler fare una cosa, di aver piacere di fare

5. di prendere delizia nel, aver piacere

volere/vorrebbe

volere/avrebbe voluto

desiderio 

amano Mar 12:38

desideroso

lista

di desiderare

misc.

158

 

16

12

1

3

3

2

4