home politica dottrina contatto info libri links mappa sito
articoli simili
stampa email salva salva pdf
Ordine Chiesa
Anziani
Diaconi
Donne
Uomini
Teologia
Amore
Arbitrio
Creazione
Dio
Escatologia
Evangelismo
Eterodossie
Il Male
La Legge
Peccato
Predestinazione
Riformata
Timore
Sacramenti
Soteriologia
Sovranità
Credi
Ispirazione
Riformati
Storici
Universalismo
Parole
Versetti
Festività
Dicembre 25
Pasqua
Personale
Vivere
Modestia
Morte
Preghiera
Responsabilità'
Tempi Nostri
Il Regno
Potpourri
Aborto
Date
Democrazia
Evangelizzare
Paganesimo
Passaggi
Sermoni
Volantini
Copyright
Emails
Home

L'Unica Speranza per la nostra Decadente Società è il Patriarcato

aymon de albatrus

“4 uno che governi bene la propria famiglia e tenga i figli in sottomissione con ogni decoro; 5 (ma se uno non sa governare la propria famiglia, come potrà aver cura della chiesa di Dio?).” (1Ti 3:4-5)

“I diaconi siano mariti di una sola moglie e governino bene i figli e le proprie famiglie.” (1Ti 3:12)

“Io infatti l’ho scelto, perché ordini ai suoi figli e alla sua casa dopo di lui di seguire la via dell’Eterno, mettendo in pratica la giustizia e l’equità, perché l’Eterno possa compiere per Abrahamo ciò che gli ha promesso».” (Gen 18:19)

“....... quanto a me e alla mia casa, serviremo l’Eterno».” (Gis 24:15)


La società che Dio originalmente istituì era basata sulla famiglia come il suo blocco fondamentale, governato sotto un sistema Patriarcale e basilarmente rurale. La Rivoluzione Industriale cambiò questo con macchine che facevano sempre più il lavoro dell'uomo alterando profondamente la società. Dopo la Seconda Guerra Mondiale un'altra epica rivoluzione con le sue radici nella Rivoluzione Francese cominciò a evolversi, era la Rivoluzione Democratica con impatto profondo devastante nelle società umane. Da questa rivoluzione, anti Dio, emerse la Rivoluzione Sessuale conosciuta anche come il "Femminismo".  Questa ultima effettivamente portò il Patriarcato al suo finale decesso, e con esso la fine della famiglia Biblica, come stabilita da Dio, e presto porterà il decesso della nostra società Democratica. Infatti proprio adesso noi stiamo vivendo nei suoi ultimi gemiti. 

Adesso, considera: noi siamo la Sua creazione, TOTALMENTE dipendente da Dio. Perciò, può qualsiasi creazione fuggire dal suo Creatore?  Ovviamente No!  E di sicuro noi siamo la Sua Creazione: “Riconoscete che l’Eterno è DIO è lui che ci ha fatti e non noi da noi stessi; noi siamo il suo popolo e il gregge del suo pascolo.” (Sal 100:3) e Lui ha Sovranità Assoluta su di noi: “Ora vedete che io, io sono Lui, e che non vi è altro DIO accanto a me. Io faccio morire e faccio vivere, ferisco e risano, e non vi è nessuno che possa liberare dalla mia mano.” (Deu 32:39)

Possiamo noi (la Sua proprietà) veramente essere liberi da Dio e di fare quello che vogliamo nel Suo Giardino, contro la Sua volontà?  NO! Se pensiamo così ci illudiamo con terribili conseguenze.

L'unica speranza per la sopravvivenza della nostra società occidentale è di ritornare all'ordine stabilito da Dio, cioè il Patriarcato.

Che possibilità ci sono per la nostra società di ritornare all'ordine divino?  Praticamente NESSUNA.  L'unica meta davanti alla nostra ribelle e profondamente decadente società è la distruzione totale come chiaramente descritta in Apocalisse, e il giorno del Signore arriverà improvvisamente come un ladro nella notte (2Pi 3:10).

Che cosa è il Patriarcato Biblico o il Patriarcato Giudeo-Cristiano? 

Dall'inizio Dio ordinò l'uomo come il sovrano e governatore della sua famiglia, il capo famigliare, il capo e non la coda, come c'è scritto: “Poi l’Eterno DIO disse: «Non è bene che l’uomo sia solo; io gli farò un aiuto conveniente a lui».” (Gen 2:18)

Innegabilmente l'aiutante non è superiore o uguale a colui che lui aiuta. Dio, Egli ha creato la donna in funzione dell'uomo, per essere il suo aiuto, di convenienza a lui, come suo subordinato, non il suo capo o alla pari. (1Co 11:8,9) In altre parole, la donna esiste per l'uomo, e senza l'uomo non c'è ragione per la donna di esistere. Questo principio è anche enfatizzato in Est 1:22 "affinché ogni uomo fosse padrone in casa sua".

In altre parole Dio ha ordinato che L'uomo fosse il sovrano e governatore della sua famiglia, il re, il sacerdote e il profeta del suo castello, il signore di casa sua, e per riflesso, anche il governatore di tutti gli aspetti della società come è stato dall'inizio fino a cinquanta anni fa. 

Naturalmente in questi giorni malvagi, il Femminismo e i suoi sostenitori disputano che questa situazione era valida solo nel Vecchio Testamento e che noi moderni adesso ci siamo evoluti e abbiamo sorpassato quei tempi "barbari".  Dicono che adesso noi siamo sotto la dispensa del Nuovo Testamento e perciò la donna è liberata da queste antiche catene e la donna è svincolata ad (e infatti deve) essere il governatore della famiglia come nella chiesa e di governare le nazioni ed avere dominio sopra l'uomo, diciamo un ribaltone dell'Ordine Divino. 

Ma cosa dice la Scrittura?:

“Voglio però che sappiate che il capo di ogni uomo è Cristo, il capo della donna è l’uomo e il capo di Cristo è Dio.” (1Co 11:3)

“22 Mogli, siate sottomesse ai vostri mariti come al Signore, 23 poiché il marito è capo della moglie, come anche Cristo è capo della chiesa, ed egli stesso è Salvatore del corpo. 24 Parimenti come la chiesa è sottomessa a Cristo, così le mogli devono essere sottomesse ai loro mariti in ogni cosa.” (Efe 5:22-24)

“....   e similmente la moglie temi il marito.” (Efe 5:33)

Questi versetti, ed altri, sono parte del Nuovo Testamento, che chiaramente provano che il Cristianesimo non ha cambiato il dominio/supremazia del ruolo dell'uomo sulla donna, per niente.  Infatti l'Apostolo Pietro conferma questo principio:  “1 Similmente voi, mogli, siate sottomesse ai vostri mariti affinché, anche se ve ne sono alcuni che non ubbidiscono alla parola, siano guadagnati senza parola dalla condotta delle loro mogli, 2 quando vedranno la vostra casta condotta accompagnata da timore. 3 Il vostro ornamento non sia quello esteriore: intrecciare i capelli, portare i gioielli d’oro o indossare belle vesti 4 ma l’essere nascosto nel cuore con un’incorrotta purezza di uno spirito dolce e pacifico, che è di grande valore davanti a Dio. 5 Così infatti si adornavano una volta le sante donne che speravano in Dio, stando sottomesse ai loro mariti 6 come Sara che ubbidiva ad Abrahamo, chiamandolo signore, di essa voi siete divenute figlie, se fate il bene e non vi lasciate prendere da alcun spavento.” (1Pi 3:1-6)

Il cosiddetto Femminismo "Cristiano" è profondamente radicato nel Paganesimo e le sue proponenti sono figlie di Athaliah (2 Re 11:1-20) piuttosto che figlie dell'Altissimo Dio, e questo è confermato dalle femministe stesse.

Il Femminismo è totale e aperta ribellione contro Dio e l'uomo, ed ecco qualche rilevante estratto dalla loro letteratura:

Anne Lori Gaylor: "Dimentichiamoci del mito di Gesù e voltiamoci verso la salvezza femminile del mondo".

Gloria Stimenn: "Nell’anno 2000 cresceremo, spero, i nostri figli a credere nel potenziale umano, non in Dio".

Sheila Cronam: "Dato che il matrimonio è schiavitù per le donne, è chiaro che l’istituzione femminista deve concentrarsi ad attaccare questa istituzione. La libertà per le donne non può essere vinta senza l’abolizione del matrimonio."

Phillis Schlafly: "Le femministe non sono per la parità, ma vogliono uccidere tutto il maschile.

La ‘Dichiarazione del Femminismo’ dice: "La fine del matrimonio è necessaria per la liberazione delle donne; Dobbiamo ritornare alle antiche religioni femminili e arti magiche".

Il malvagio, attraverso la Democrazia ed il Femminismo ha effettivamente castrato mentalmente gli uomini (la forza della nazione) distruggendo cosi il Patriarcato; e adesso tanti "piccoli uomini pusillanimi" approvano di questa decadenza, e le nostre nazioni sono senza forza e aperte agli invasori Islamici ed altri.  Manderemo le soldatesse a difenderci. 

Un'altro argomento fallace usato dalle Femministe è di proclamare che il Patriarcato Biblico patrocina la violenza domestica e perciò non 'politicamente corretto'. Ma questo NON è vero, infatti Dio non approva la violenza domestica ma di Agape i proprio familiari. Ma bisogna differenziare e non confondere violenza con il disciplinare, che Dio a dato ai padri l'autorità di disciplinare i propri figli (e anche la moglie in caso di estremo bisogno). La Bibbia insegna chiaramente al Patriarca Biblico di sculacciare  i propri figli, quando ce ne è bisogno. (e se fatto al modo giusto, non ce ne sarà bisogno di tante) Nella Parola di Dio c'è un'abbondanza di insegnamento su questo: (Pro 13:24; 22:15; 23:13-14; Ebr 12:5-11).  Conseguentemente, un colpetto secco (o due) sul sederino porta meravigliosa pace e tranquillità nella casa. Questa correzione è in linea con la Scrittura, ma la violenza non è MAI approvata nel contesto famigliare.  Tuttavia, la Scrittura comanda la giusta disciplina come marchio autentico d'amore verso il figlio: “Chi risparmia la verga odia il proprio figlio, ma chi lo ama lo corregge per tempo.” (Pro 13:24)

Ma adesso la nostra società Europea guidata femministicamente sta per approvare una legge che vieta sculacciare i propri figli con penalità di grosse multe, imprigionamento e anche avere i figli rimossi e dati ad altri. Ovviamente questa azione è in diretto contrasto con la Scrittura.  Tale mancanza di saggezza non succederebbe mai sotto il Patriarcato.

L'eliminazione del patriarcato è stata una delle centrali ambizioni del movimento femministico.  Secondo l'ideologia femminista, anche condivisa da un largo segmento della popolazione, il patriarcato rappresenta la istituzionalizzata forma di dominazione maschile. Perciò, la liberazione dell'umanità da qualsiasi vestigio del patriarcato è stato lo scopo centrale del femminismo, con eccezionale successo, come il mondo si distanzia dalle sue radici Giudeo-Cristiane. 

Cospiratori al decesso del Patriarcato è l'odierno ritratto della normativa "dolce vita" per gli uomini, almeno come presentata dalla cultura mediatica, che non include la comprensiva responsabilità della paternità, anzi il contrario viene sfoggiato. Quando gli uomini non sono stigmatizzati per il fallimento come mariti e genitori, i giovani uomini prendono il matrimonio e paternità con poca serietà e importanza, e tanti eviteranno completamente il matrimonio e la paternità (e perciò il patriarcato); come che la società moderna ne è ampiamente la prova. 

Il Patriarcato dirige gli uomini alle loro responsabilità come mariti e padri.  In questo sistema gli uomini che falliscono in queste responsabilità sono visti come inferiori a quelli che sono sia fedeli come effettivi. Inoltre, una struttura patriarcale ritiene gli uomini responsabili per la cura, protezione, disciplina e nutrimento dei figli e famiglia.  In tale società, l'irresponsabilità nel compito di genitore viene considerata come una fondamentale minaccia alla civilizzazione stessa.  Ne vediamo la prova nella nostra società fortemente in caduta libera nella più degradante decadenza. 

I principi della nostra società democratica orientata solo verso il divertimento e piaceri sensuali sono diametralmente opposti a quelli del Patriarcato. Questi miserabili principi ci hanno portato in profonda decadenza ed eventualmente al collasso finale della nostra marcia società.  Questo è assicurato se continuiamo su questa strada che ci porta lontano dal Patriarcato Giudeo-Cristiano. 

Funzionalità secondo il sesso:

Gli uomini sono chiamati alla sfera pubblica di dominio, oltre alla casa e nella società. La loro autorità comincia da casa, e la qualifica e l'abilità per un uomo di comandare e guidare bene nella piazza pubblica sono basate sull'antecedente successo di governare bene i famigliari della sua casa. (1Ti 3:5; Efe 6:4)

La donna è stata creata per il bisogno dell'uomo, cioè il suo aiuto, e la sua finzione è familiare, cioè: partorire figli e custodire la casa in tutti gli aspetti.  Questa funzione è ordinata da Dio, e la giusta responsabilità di una donna è il focolare domestico e tutto quello che ne è associato.  Se dopo aver adempiuto questa responsabilità primaria essa ha ancora tempo, come aiuto alla funzione del marito, in caso di bisogno (e non a nome proprio) essa può essere coinvolta in attività nel mercato e nella comunità, ma sempre e solo a nome del marito. (Tit 2:4-5; Pro 31:10-31)

I Cristiani devono credere e obbedire qualsiasi cosa che l'innerante Bibbia insegna e comanda come la sufficiente guida di fede e vivere pratico.  La Parola di Dio provvede al Cristiano attraverso precetti, modelli e principi, tutto quello che è necessario per fare decisioni sagge concernenti le tante moralmente complesse emanazioni della vita. (2Ti 3:16-17; 2Pi 1:3)

I Patriarchi (i padri) devono esercitare discernimento nelle scelte che fanno per le loro famiglie e non semplicemente lasciarsi trascinare dalla marea culturale. L'egalitarianismo e il femminismo sono satanicamente concepiti e sono nemici di Dio e della verità Biblica, e il bisogno di attenzione va oltre a queste minacce.  I valori della società moderna sono quasi sempre contrari a quelli del mondo Biblico, per esempio, i padri devono resistere i valori dell'individualismo alle spese della comunità, efficienza alle spese di relazioni, e materialismo alle spese del progresso spirituale.  Il mondo, e tristemente la chiesa mondana applaudono tante scelte che sono contro la santificazione della famiglia. (Rom 12:2; 1Gi 2:15)

Nei nostri giorni malvagi c'è un sistematico attacco sulle verità d'ogni tempo del patriarcato Biblico. L'assalto include il movimento per sabotare il divino modello della famiglia, ridefinire i significati della paternità e della maternità, mascolinità, femminilità e la relazione fra genitori e figli.  Dobbiamo forzutamente difendere il patriarcato Biblico, perché è sotto attivo e feroce attaccato sia da miscredenti come da Cristiani professanti. Il suo peggiore nemico è il Femminismo Egalitario, che è una falsa filosofia umanistica dei nostri tempi che ha generato tante false dottrine nella chiesa e ha sedotto tanti credenti. In cosciente opposizione al Femminismo, Egalitarianismo e le filosofie umanistiche del tempo presente, la chiesa deve proclamare la dottrina del Patriarcato Biblico come elemento essenziale del modello ordinato da Dio per il benessere delle relazioni umane e istituzioni e società e nazioni. 

Conclusione: C'è forse speranza per la nostra decadente empia società?

Beh!  Con Dio c'è SEMPRE speranza, ma giudicando dal naturale, la nostra società è putrida e corrotta fino al midollo e troppo malandata in decadenza per rimettersi in piedi. La sua distruzione è alla porta da essere implementata da nazioni pagane come Islam e altre, quelle che Dio usa tutte le volte per punire i Suoi figli ribelli.

Si pentiranno le nostre nazioni occidentali e ritorneranno a Dio, come fece Ninive? (Gin 3:5-7) Verrà la nostra società al buon senso ritornando al sistema Patriarcale dato da Dio per la sua restaurazione? Credo di NO!  Non senza l'intervento diretto di DIO: “Ravvediti dunque da questa tua malvagità e prega Dio che, se è possibile, ti sia perdonato il pensiero del tuo cuore.” (Att 8:22)