home politica dottrina contatto info libri links mappa sito
stampa email salva salva pdf
Ordine Chiesa
Anziani
Diaconi
Donne
Uomini
Teologia
Amore
Arbitrio
Creazione
Dio
Escatologia
Evangelismo
Eterodossie
Il Male
La Legge
Peccato
Predestinazione
Riformata
Timore
Sacramenti
Soteriologia
Sovranità
Credi
Ispirazione
Riformati
Storici
Universalismo
Parole
Versetti
Festività
Dicembre 25
Pasqua
Personale
Vivere
Modestia
Morte
Preghiera
Responsabilità'
Tempi Nostri
Il Regno
Potpourri
Aborto
Date
Democrazia
Evangelizzare
Paganesimo
Passaggi
Sermoni
Volantini
Copyright
Emails
Home

PASQUA

  Il Vero Significato della Pasqua   (26 KB)   
Sotto la definizione per Pasqua nel dizionario Webster (edizione collegio) si trova: "originalmente il nome del pagano festival primaverile. . . Eastre, la dea dell’alba."Ulteriore lettura su altre enciclopedie, o sulla maggior parte dei libri sulle feste identificherà questa Eastre con la dea pagana conosciuta variamente come: Eostre, Ishtar, Semeramis ed Astarte. Cioè, la stessa "Regina dei Cieli"di Babilonia il cui culto è condannato nella Parola di Dio (consultare i capitoli 7 e 44 di Geremia). [mia aggiunta: da notare che alla Madonna viene dato il titolo "Regina dei Cieli"]

  Le Origine Pagane della Pasqua   (30 KB)   
Pasqua è un giorno che è onorato da quasi tutto il Cristianesimo contemporaneo; ed è usato per celebrare la resurrezione di Gesù Cristo. Coloro che amano la verità imparano a fare domande e molte domande devono essere chieste per quanto riguarda la festa di Pasqua. È veramente il giorno in cui Gesù risuscitò dai morti? Da dove tutte queste strane abitudini sono venute, che hanno niente a che fare con la resurrezione del nostro Salvatore?

  La Pasqua   (47 KB)   
La Pasqua non è una festività cristiana, né una ricorrenza o una liturgia, anzi, alla luce del Nuovo Testamento la Pasqua è la Persona stessa di Cristo Gesù (I Corinzi 5:7,8). Ogni giorno è continuamente Pasqua avendo realizzato Gesù nei nostri cuori e seguendo i Suoi insegnamenti. Egli è l'Agnello di Dio, immolato una volta, ma ora vivente e vittorioso per sempre, per cui, per mezzo dello Spirito Santo, possiamo dire: "A Colui che siede sul trono e all'Agnello siano la benedizione e l'onore e la gloria e l'imperio, nei secoli dei secoli".